La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

MICO - Musica Insieme COntemporanea

 

MICO - Musica Insieme COntemporanea XIV edizione 
l'altro piano

 

Il pianoforte come strumento che dà voce alle immagini, dal cinema muto alle colonne sonore; il pianoforte come oggetto da esplorare sin nel profondo, letteralmente nota per nota; e ancora, il pianoforte come sintesi di un’intera orchestra. L’edizione 2019 di MICO – Musica Insieme COntemporanea vuole offrire proprio tre diversi piani d’ascolto, tre prospettive complementari dalle quali ascoltare il pianoforte oggi.

Nel primo caso, il 13 febbraio salirà sul palco dell’Oratorio di San Filippo Neri un artista bolognese che ha fatto della composizione per il cinema la propria cifra distintiva: Daniele Furlati. Premiato per le musiche de Il vento fa il suo giro (Festival Cinema e Musica di Lagonegro) e L’uomo che verrà (Premio Ennio Morricone) di Giorgio Diritti, Furlati parte proprio dal regista bolognese per accompagnarci in un excursus attraverso la musica per immagini, non senza un omaggio a due maestri come Bernardo Bertolucci ed Ennio Morricone, e mostrandoci un’altra affascinante specialità dell’accompagnamento cinematografico: l’improvvisazione, ovvero quella facoltà di creare la musica estemporaneamente, seguendo passo per passo le immagini che scorrono sullo schermo.

Con Ligeti, scomparso nel 2006, ci troviamo davanti a uno dei più interessanti alchimisti della musica moderna, ironico sperimentatore di tutti i parametri musicali, dal ritmo al timbro, capace di comporre un Poème Symphonique per cento metronomi, o di creare l’illusione del suono elettronico con i soli mezzi acustici di un quartetto d’archi. “Avrei voluto essere un pianista favoloso!”, dichiarava Ligeti, e Musica Insieme ne presenterà il 28 febbraio proprio l’integrale pianistica, in una staffetta che coinvolge nove talentuosissimi pianisti, selezionati dal progetto Call for Young Performers guidato da Maria Grazia Bellocchio.

È poi la stessa ricchezza timbrica e la generosa estensione del pianoforte a farne lo strumento privilegiato per la trascrizione, ovvero l’arte di riassumere un’orchestra nelle dieci (o venti) dita di un pianista o di un “quattro mani”. È quanto ci propongono il 28 marzo Matteo Fossi e Marco Gaggini, che delle infinite declinazioni del pianoforte hanno fatto un progetto artistico in continua evoluzione, arrivando a scoprire una trascrizione di Alban Berg della Kammersymphonie op. 9 di Schoenberg, che ascolteremo in prima esecuzione italiana. 

 

I biglietti per tutti i concerti di MICO saranno in vendita presso l’ORATORIO DI SAN FILIPPO NERI il giorno del concerto a partire dalle 19,30.

Posto unico € 15.

Abbonati Musica Insieme € 10.

Studenti Università e Conservatorio, Under 30 € 5

Mercoledì 09/10/2019 - 20:30
Programma:
Compositore: 
Mauricio Kagel
Titolo Opera: 
FOCUS KAGEL
Lubomyr Melnyk
Mercoledì 16/10/2019 - 20:30
Programma:
Ludus Gravis
Lunedì 28/10/2019 - 20:30
Programma:
Compositore: 
Roccato, Perocco, Cifariello Ciardi, Sani, Bryars, Gubaidulina
Titolo Opera: 
Conversazioni per nove contrabbassi