La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

2017/2018

Radu Lupu

Universalmente riconosciuto tra i massimi pianisti del panorama internazionale, Radu Lupu intraprende la sua straordinaria carriera grazie alla vittoria di importanti concorsi, quali il “Van Cliburn”, l’“Enescu” e il “Leeds”. Ha collaborato con direttori del calibro di Daniel Barenboim, Riccardo Muti, Zubin Mehta e Herbert von Karajan, ed è protagonista di numerose incisioni, con le quali ha vinto fra l’altro due premi “Best Instrumental Record of the Year”, un “Grammy” e un “Edison Award”.

Cristina Zavalloni - Danusha Waskiewicz - Andrea Rebaudengo

Cristina Zavalloni si esibisce in recital con colleghi come Gabriele Mirabassi, Mario Brunello, Andrea Lucchesini e collabora con orchestre quali London Sinfonietta, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e Accademia di Santa Cecilia. Danusha Waskiewicz ha collaborato in qualità di prima viola con numerose orchestre, dalla Chamber Orchestra of Europe alla Sinfonieorchester des Bayerischen Rundfunk.

Borodin Quartet - Alexei Volodin

Da oltre settant’anni, il Quartetto Borodin è considerato fra i più autorevoli ensemble cameristici in attività. Acclamato per le sue interpretazioni di Beethoven e Šostakovič, con il quale ha collaborato direttamente, è ospite dei più importanti centri musicali, tra cui Vienna, Zurigo, Londra e New York. Alexei Volodin suona per le stagioni concertistiche di realtà come l’Orchestra Nazionale Russa, la Singapore Symphony Orchestra, la London Symphony Orchestra e l’Orchestra del Teatro Mariinskij.

Joshua Bell - Sam Haywood

Joshua Bell è annoverato tra i violinisti più celebrati della sua generazione. Artista esclusivo Sony Classical, ha inciso più di quaranta cd che hanno ricevuto premi quali Grammy, Gramophone ed Echo Klassik. Dal 2011 è Direttore Musicale dell’Academy of St.-Martin-in-the-Fields, e nel 2016/17 è stato Artista residente della National Symphony Orchestra di Chicago. Sam Haywood si esibisce nelle principali sale con artisti quali Mark Padmore, il Quartetto Elias, Mariko Hara e Noboko Imai.

Rudolf Buchbinder

Rudolf Buchbinder è universalmente riconosciuto come uno dei grandi interpreti del nostro tempo. Da più di cinquant’anni suona in tutto il mondo con le principali orchestre e direttori. Il suo vastissimo repertorio si estende da Bach ai contemporanei, e la sua integrale delle sonate beethoveniane ha segnato la storia dell’interpretazione. Con le sue oltre cento registrazioni, ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti, come il “Grand Prix du Disque” e l’“ECHO Klassik”.

Katia Labèque - Marielle Labèque - Simone Rubino - Andrea Bindi

Katia e Marielle Labèque hanno suonato con i Berliner Philharmoniker, la Sinfonieorchester des Bayerischen Rundfunks, le Orchestre Sinfoniche di Boston, Chicago e Cleveland, i Wiener Philharmoniker e la Filarmonica della Scala. Hanno collaborato con compositori come Luciano Berio, Pierre Boulez e Olivier Messiaen e con direttori quali Pappano, Prêtre, Mehta.

Pražák Quartet

Costituito nel 1972, il Pražák Quartet è oggi attestato come la più importante formazione appartenente alla tradizione cameristica ceca, ospite richiestissimo dei più importanti festival e stagioni concertistiche internazionali. Nella sua storia, il Quartetto ha ottenuto molti premi, tra cui, nel 1978, il primo posto al Concorso di Evian e il premio speciale di Radio France per la migliore incisione.

Luigi Piovano - Sir Antonio Pappano

Luigi Piovano, primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, attivo nel repertorio da camera con artisti come Sawallisch, Chung, Lonquich, Kavakos, Katia e Marielle Labèque, dal 2007 suona stabilmente in duo con Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio Latitude 41. Antonio Pappano è Direttore Musicale dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Music Director del Covent Garden di Londra.

Mario Brunello

Nel 1986 Mario Brunello è il primo artista italiano a vincere il Concorso “Čajkovskij” di Mosca, e da allora compare nelle principali sale e con le più prestigiose orchestre, tra cui London Symphony, Münchner Philharmoniker, Mahler Chamber Orchestra, NHK Symphony di Tokyo, Filarmonica della Scala, Accademia di Santa Cecilia. Collabora con direttori quali Gergiev, Pappano, Chailly, Muti, Gatti. Negli ultimi anni Brunello si presenta sempre più di frequente nella doppia veste di direttore e solista.