La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

HISTOIRE DU SOLDAT

Histoire du soldat

HISTOIRE DU SOLDAT

Data - Ora: 
Tuesday 25/08/2020 - 21:15
Nome Artista: 
Giambattista Giocoli
Ruolo Artista: 
Direttore
Nome Artista: 
Manuela De Meo e Pietro Traldi
Ruolo Artista: 
Voci recitanti
Nome Artista: 
Michele Cerone
Ruolo Artista: 
Illustrazioni
Nome Artista: 
Gianluca Cheli
Ruolo Artista: 
dramaturg
Nome Artista: 
Roberto Noferini
Ruolo Artista: 
violino
Nome Artista: 
Fabio Quaranta
Ruolo Artista: 
contrabbasso
Nome Artista: 
Giovanni Picciati
Ruolo Artista: 
clarinetto
Nome Artista: 
Luca Reverberi
Ruolo Artista: 
fagotto
Nome Artista: 
Fabio Codeluppi
Ruolo Artista: 
tromba
Nome Artista: 
Valentino Spaggiari
Ruolo Artista: 
trombone
Nome Artista: 
Simone Beneventi
Ruolo Artista: 
percussioni
Il concerto fa parte della rassegna: 
Programma: 
Compositore: 
Igor Stravinskij
Titolo Opera: 
L’Histoire du Soldat

Martedì 25 agosto 2020 alle 21.15, Fondazione Musica Insieme e Teatro del Baraccano presentano nel Cortile del Teatro del Baraccano un’apprezzatissima versione dell’Histoire du Soldat di Igor’ Stravinskij, prodotta da ATTI SONORI.

Sul palco l’Orchestra del Baraccano diretta da Giambattista Giocoli, con le voci recitanti di Manuela De Meo e Pietro Traldi. Un racconto sonoro e visivo, dove alle musiche e alle voci si aggiunge la proiezione delle affascinanti illustrazioni di Michele Cerone, la drammaturgia è di Gianluca Cheli.

La celebre opera “povera” di Stravinskij, composta durante la Grande Guerra, attinge alla tradizione fiabesca russa per rappresentare la storia di un soldato, simbolo dell’umanità intera e dell’impossibilità di sfuggire al proprio destino. Un’opera che è anche un inno alla rinascita e alla vittoria della creatività dopo le devastazioni della prima guerra mondiale, e che proprio per il suo carattere emblematico vuol essere un auspicio a tornare a condividere la bellezza dell’arte e della musica… di nuovo insieme.

L’Histoire du Soldat

"Quest’opera fu pensata inizialmente come opera per marionette: un prodotto artistico semplice ed immediato, con una forte componente simbolica. Ecco che il gesto grafico viene scelto come segno marionettistico per svelare il cupo retrogusto delle atmosfere ironiche, delineate musicalmente da Stravinskij nella sua opera da camera.

Elementi che ritornano nel segno espressivo del piano più sommerso dellHistoire du Soldat: quella malinconica, e tutto sommato un po’ buffa, sensazione di predeterminazione, unita alla follia creativa delle fiabe russe, da cui lopera prende spunto."

Gianluca Cheli

 

In caso di pioggia, il concerto verrà rinviato a giovedì 27 agosto 2020, sempre alle ore 21.15

 

Biglietti (10 euro) in vendita sul circuito Vivaticket e presso la Biglietteria del Teatro del Baraccano (dal lunedì al venerdì 10-13 e le sere di concerto).