La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

Yuja Wang - CONCERTO RIMANDATO

Yuja Wang concerto rimandato

Yuja Wang - CONCERTO RIMANDATO

Data - Ora: 
Friday 06/03/2020 - 20:30
Artisti: 
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Il concerto fa parte della rassegna: 
Programma: 
Compositore: 
Baldassare Galuppi
Titolo Opera: 
Sonata in do maggiore
Compositore: 
Johann Sebastian Bach
Titolo Opera: 
Toccata in do minore Johannes Brahms
Compositore: 
Johannes Brahms
Titolo Opera: 
Intermezzo in la minore op. 116 n. 2
Compositore: 
Fryderyk Chopin
Titolo Opera: 
Mazurka in la minore op. 67 n. 4
Compositore: 
Johannes Brahms
Titolo Opera: 
Intermezzo in mi minore op. 119 n. 2
Compositore: 
Fryderyk Chopin
Titolo Opera: 
Mazurka in do diesis minore op. 30 n. 4
Compositore: 
Johannes Brahms
Titolo Opera: 
Intermezzo in do diesis minore op. 117 n. 3
Compositore: 
Fryderyk Chopin
Titolo Opera: 
Mazurka in fa maggiore op. 68 n. 3
Compositore: 
Johannes Brahms
Titolo Opera: 
Romanza in fa maggiore op. 118 n. 5
Compositore: 
Aleksandr Skrjabin
Titolo Opera: 
Sonata n. 4 in fa diesis maggiore op. 30
Compositore: 
Maurice Ravel
Titolo Opera: 
Une Barque sur l’Ocean
Compositore: 
Alban Berg
Titolo Opera: 
Sonata in si minore op. 1
Compositore: 
Federico Mompou
Titolo Opera: 
Secreto
Compositore: 
Aleksandr Skrjabin
Titolo Opera: 
Sonata n. 5 op. 53

La Direzione di Musica Insieme è spiacente di informare il cortese Pubblico che, in ottemperanza al DPCM 1 marzo 2020 il Concerto della pianista YUJA WANG previsto per Venerdì 6 marzo 2020 per la stagione de I Concerti 2019/2020 di Musica Insieme all’Auditorium Manzoni è rimandato a data da destinarsi.

 

L'Artista ha garantito che recupererà il suo recital in esclusiva per Musica Insieme,  in una data che sarà nostra premura comunicare tempestivamente attraverso tutti i nostri canali non appena definita.

 

La Fondazione Musica Insieme è disponibile al numero 051 271932 o alla mail: info@musicainsiemebologna.it per fornire aggiornamenti sulla situazione.

 

Cordiali saluti,

 

Fondazione Musica Insieme

 

Quella di Yuja Wang è la storia di un’agguerritissima preparazione iniziata nella città natale di Pechino e proseguita al Curtis Institute of Music di Filadelfia. Ma è anche una storia di occasioni, colte al momento giusto e con la giusta preparazione per farlo. Nel 2007 è subentrata all’ultimo istante a Martha Argerich come solista con la Boston Symphony Orchestra. Una sostituzione quasi impossibile, che pochi giovani interpreti avrebbero saputo affrontare. Due anni dopo, Yuja Wang firmava un contratto in esclusiva con l’etichetta Deutsche Grammophon, e da allora ha consolidato la propria posizione fra gli artisti più importanti del mondo grazie a una serie di apprezzatissime esibizioni e registrazioni.
Dalla sua applaudita interpretazione del Primo Concerto per pianoforte di Beethoven al Tanglewood Music Festival con la Boston Symphony Orchestra diretta da Andris Nelsons, alla tournée con i Berliner  Philharmoniker e Kirill Petrenko con il Terzo Concerto di Prokof’ev: dovunque appaia, Yuja Wang sa appassionare con la sua personalità carismatica, che domina appunto una tecnica che non teme rivali. Yuja Wang è “Artist in Residence” presso tre delle principali istituzioni musicali al mondo: la Carnegie Hall di New York, con il ciclo Perspectives che abbraccia tutta la stagione, la Wiener Konzerthaus con il ciclo Portrait e la Philharmonie Luxembourg. La primavera del 2019 ha visto poi Yuja Wang impegnata in una tournée nelle città di Los Angeles (alla Walt Disney Concert Hall), Seoul e Tokyo con la Los Angeles Symphony Orchestra diretta da Gustavo Dudamel, per interpretare in prima esecuzione mondiale il nuovo Concerto per pianoforte di John Adams, Must the Devil Have All the Good Tunes?. Inoltre, si riunirà con un partner artistico per lei ormai abituale (e già apprezzato anche dal pubblico di Musica Insieme): il violoncellista francese Gautier Capuçon, per una vasta tournée cameristica negli Stati Uniti. Nel 2017 l’autorevole rivista Musical America, la più antica testata americana dedicata al mondo della classica, l’ha nominata “Artist of the Year”, ed è solo uno dei molti riconoscimenti che continuano ad arridere a questa straordinaria interprete.