La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

Il pianista favoloso: l'integrale per pianoforte di György Ligeti - pianisti selezionati dal progetto Call for Young Performers

Il pianista favoloso: l'integrale per pianoforte di György Ligeti - pianisti selezionati dal progetto Call for Young Performers

Data - Ora: 
Thursday 28/02/2019 - 20:30
Artisti: 
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Nome Artista: 
Ruolo Artista: 
pianoforte
Il concerto fa parte della rassegna: 
Programma: 
Compositore: 
György Ligeti
Titolo Opera: 
Invention (1948)
Due Capricci (1948)
Fünf Stücke per pianoforte a quattro mani (1942-1951)
Musica Ricercata (1951-1953)
Études (I libro, 1985; II libro, 1988-1994; III libro, 1995-2001)

«Metto le mie dieci dita sulla tastiera e immagino la musica». L’altro piano di György Ligeti è un universo sonoro inesauribile, che si ispira a Scarlatti e Chopin come alla musica africana o al jazz. «Ma quello che compongo è difficile da classificare – continua l’autore proprio nella presentazione della sua integrale pianistica – non è né “d’avanguardia” né “tradizionale”, né tonale né atonale. E in nessun modo postmoderno, poiché l’ironica teatralità del passato mi è del tutto estranea». È unicamente Ligeti, verrebbe da aggiungere, di fronte all’originalità di brani come Musica Ricercata, che sembra esplorare la singola personalità dei suoni in undici pezzi che partono appunto da due sole note per arrivare alle dodici note della scala cromatica. Gli Studi esplorano invece, nella migliore tradizione del genere, un singolo aspetto tecnico o un’idea di base, portandoli a crescere sino alla massima complessità, come organismi viventi. Un’occasione straordinaria quindi sarà l’ascolto dell’opera omnia per pianoforte di Ligeti, condensata in meno di due ore di musica, e affidata a nove brillanti talenti selezionati dal Progetto Call for Young Performers di Divertimento Ensemble.