La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

Camerata Salzburg

Lo stile musicale della Camerata Salzburg si è consolidato nell'arco di oltre sessant'anni attraverso la continua collaborazione con musicisti di fama mondiale, tra cui ricordiamo Bernhard Paumgartner, Géza Anda, Sándor Végh, Sir Roger Norrington e András Schiff.

Hanno regolarmente collaborato con questa meravigliosa Orchestra da camera esponenti straordinari del panorama musicale internazionale, come Clara Haskil, Dietrich Fischer-Dieskau, Heinz Holliger, Aurèle Nicolet, Wolfgang Schneiderhan, Christoph Eschenbach, Philippe Herreweghe, René Jacobs e Franz Welser-Möst, interpretando opere estendibili dal repertorio per quartetti d'archi fino a sinfonie romantiche e opere classiche del XX secolo per grande orchestra sinfonica. Le collaborazioni di maggior continuità e rilievo ci riconducono a Anne-Sophie Mutter, Hilary Hahn, Patricia Kopatschinskaja, Julian Rachlin, Daniel Hope, Benjamin Schmid, Joshua Bell, Thomas Zehetmair, Augustin Dumay, Veronika Hagen, Mitsuko Ushida, Elisabeth Leonskaja, Claire-Marie Le Guay, Yu Kosuge, Oleg Maisenberg, Murray Perahia, Olli Mustonen, Alexander Lonquich, Till Fellner, Fazil Say, Stefan Vladar, Heinrich Schiff, Patrick Demenga e François Leleux, Genia Kühmeier, Vesselina Kasarova, Christiane Oelze e Elina Garanca.

La Camerata Salzburg appare presso sedi di indubbio richiamo quali Wien Konzerthaus, Hamburg Elbphilharmonie, Berlin Konzerthaus, Festspielhaus di Baden-Baden, Festspielhaus di Bregenz, Carinthian Summer Festival, Haydn Festival di Eisenstadt, Aix en Provence Festival, Lucerne Festival, oltre a rendersi protagonista di eccezionali esecuzioni presso città di fama internazionale, tra cui Monaco, Londra, Firenze, Mosca, San Pietroburgo, Pechino e Tokyo. Sul piano discografico, la Camerata Salzburg annovera all'attivo oltre sessanta registrazioni, che sono state premiate con ambitissimi riconoscimenti. Di particolare pregio le due edizioni complete dei concerti per pianoforte e orchestra di Mozart, realizzate con Géza Anda e András Schiff. Le registrazioni delle Serenate di Mozart e dei Divertimenti diretti da Sándor Végh sono ricordate come pietre miliari in ambito discografico classico.

Fondato nel 1952 da insegnanti e studenti del Mozarteum di Salisburgo, l'ensemble si è affermato rapidamente in virtù dei Mozart Matinees che presto si tramutarono nella stella del Festival di Salisburgo. Il fondatore della Camerata fu il noto direttore d'orchestra, pedagogo musicale e musicologo Bernhard Paumgartner, che in seguito ne divenne Presidente e che fu peraltro co-fondatore del Festival di Salisburgo. Il nome dell'orchestra, originariamente Camerata Academica del Mozarteum di Salisburgo, fu scelto per rendere omaggio alla storica Camerata Fiorentina del Rinascimento. Pertanto, allora come ora, l'obiettivo dei musicisti era quello di creare musica indipendente che recasse tuttavia un senso di cameralità. L'Orchestra resta focalizzata sul repertorio tradizionale per orchestra da camera, suonando sia con Direttori d'Orchestra, sia diretta da solisti, sia con maestri concertatori, esibendosi anche in formazioni musicali da camera più piccole. Naturalmente le opere di Mozart, Haydn, Beethoven e Schubert si palesarono immediatamente come l'effettivo nucleo del repertorio.

Nell'ambito dei Mozart Matinees presso il Festival di Salisburgo la Camerata ha suonato molte opere sinfoniche e ha tenuto numerose esecuzioni concertistiche, prevalentemente basate su opere di Mozart, dando in tal modo vita all'esclusivo "suono di Mozart di Salisburgo", una tipologia di suono irripetibile e in continua evoluzione. Dal 1956, sin da quando a Salisburgo si tenne la prima settimana musicale dedicata a Mozart, la Camerata si concentrò sull'esecuzione del repertorio della prima scuola viennese. La successiva crescita della Camerata, dopo l'Era di Paumgartner, fu affidata al direttore artistico Antonio Janigro con il quale, nel 1974, ebbe luogo la prima serie di concerti in abbonamento. Uno dei solisti di quel periodo fu il violinista Sándor Végh, che assunse la direzione artistica del complesso nel 1978, parallelamente ai compiti di pedagogo che svolgeva presso il Mozarteum di Salisburgo. Accanto a Végh l'ensemble ebbe ad ampliare ulteriormente il repertorio per orchestra da camera, estendendosi all'epoca romantica (Mendelssohn Bartholdy, Brahms, Dvorák, Čajkovskij), fino alla musica del XX secolo (Bartók, Strawinsky e Schönberg). Si ricorda inoltre che dal 1987 la Camerata Salzburg programma la propria serie di concerti presso la Konzerthaus di Vienna. In occasione della Settimana di Mozart del 1997, Sir Roger Norrington si unì alla Camerata per la produzione del Mitridate, Re di Ponto di Mozart, sostituendo il defunto Sándor Végh ed assumendo la posizione di Direttore Principale, ruolo che ricoprì dal 1998 fino al 2006. Nel 2007 l'assistente di Norrington, il violinista Leonidas Kavakos, assunse la direzione artistica dell'orchestra mantenendo la posizione fino al 2011, quando Louis Langrée fu nominato nuovo Direttore Principale.