La grande musica… Insieme a Bologna The great music… Together in Bologna

Alban Gerhardt

"Uno dei migliori violoncellisti in circolazione - espressivo, poco appariscente e infinitamente elegante" (The Guardian).

Alban Gerhardt ha avuto, per venticinque anni, un impatto unico sul pubblico di tutto il mondo con la sua intensa musicalità, la presenza scenica irresistibile e l'insaziabile curiosità artistica. La sua capacità di dare nuova luce a spartiti familiari, insieme al suo desiderio di indagare repertori nuovi di secoli passati e presenti, lo hanno davvero distinto dai suoi pari. I momenti salienti della stagione precedente includono concerti con NDR Elbphilharmonie Orchestre, BBC Philharmonic per un'ulteriore apparizione ai Proms, la Royal Philharmonic Orchestra, la National Symphony Washington, il RTÉ di Dublino e i suoi debutti con New Jersey Symphony e l'Orquesta Sinfónica de Madrid. Gerhardt ha tenuto anche recital al Konzerthaus di Berlino, alla Wigmore Hall di Londra, a Montreal e Vancouver. Un tour europeo in quintetto lo ha portato in Lussemburgo, Tonhalle Zurigo e Amsterdam Muziekgebouw, e va menzionata anche la sua prima collaborazione con Sabine Meyer in un tour trio in Germania. Gerhardt ama condividere le sue scoperte con il pubblico ben oltre la tradizionale sala da concerto: i progetti di sensibilizzazione intrapresi in Europa e negli Stati Uniti lo hanno coinvolto in spettacoli e workshop, non solo nelle scuole e negli ospedali, ma anche in sessioni pionieristiche negli spazi pubblici e nelle istituzioni giovani. La sua collaborazione con Deutsche Bahn, che prevede esibizioni dal vivo sulle principali rotte pendolari in Germania, dimostra chiaramente il suo impegno a sfidare le aspettative tradizionali della musica classica. All'inizio del 2017, Gerhardt ha fondato #Musicians4UnitedEurope (www.musicians4unitedeurope.com), un gruppo di musicisti internazionali che lavorano insieme per esprimere il loro sostegno a un'Europa unita e democratica. La carriera internazionale di Gerhardt è stata lanciata dal suo debutto con Berliner Philharmoniker e Semyon Bychkov nel 1991. Notevoli solo le collaborazioni orchestrali che includono: Concertgebouw Amsterdam, London Philharmonic, tutte le orchestre radiofoniche britanniche e tedesche, Tonhalle Zürich, Leipzig Gewandhaus, Royal Stockholm e Oslo Philharmonic, Orchestre National de France e Cleveland, Philadelphia e Chicago Symphony Orchestra, sotto direttori come Kurt Masur, Christoph von Dohnányi, Christian Thielemann, Christoph Eschenbach, Michael Tilson Thomas, Esa-Pekka Salonen, Vladimir Jurowski, Kirill Petrenko e Andris Nelsons. È un appassionato musicista da camera; i suoi partner abituali includono Steven Osborne, Cecile Licad, Baiba Skride e Brett Dean. Gerhardt ha collaborato con compositori tra cui Jörg Widmann, Unsuk Chin e Matthias Pintscher; e in quasi tutti i casi si è sempre impegnato a memorizzare la partitura prima delle esibizioni in prima mondiale. Nell'estate 2018 è in programma la prima di un nuovo concerto di Brett Dean con la Sydney Symphony Orchestra e, successivamente, con i Berliner Philharmoniker e Sakari Oramo. Gerhardt, artista discografico acclamato, ha vinto tre ECHO Klassik Awards, oltre ai premi ICMA e MIDEM Classic, e la sua registrazione del Concerto per violoncello di Unsuk Chin, pubblicato dalla Deutsche Grammophon, ha vinto il BBC Music Magazine Award ed è stato selezionato per un Gramophone Award nel 2015. Gerhardt ha registrato ampiamente per Hyperion, la sua ultima registrazione di "Encores" di Rostropovich è stata pubblicata nel gennaio 2017. Il suo prossimo progetto discografico saranno le sei suite di JS Bach. Alban Gerhardt suona un violoncello Matteo Gofriller risalente al 1710.